Come Bluffare A Poker

admin 21 settembre 2012 0

Sebbene conti in larga misura la fortuna, nel gioco del poker questa non è sufficiente a garantire, alla lunga, grosse vincite, proprio perché la fortuna è proverbialmente cieca, e quindi può essere molto bizzosa. Il giocatore di poker deve quindi trovare una strategia di gioco che gli permetta, considerando anche il fattore fortuna, di riuscire vincente sia in una singola partita che nella sua carriera di giocatore nel corso del tempo. Perciò sono molto importanti nel poker le strategie di gioco, che consentono di poter amministrare in maniera vincente le carte che la sorte ci ha messo in mano.

Tra le strategie che molti professionisti e dilettanti usano sicuramente il bluff è una delle più note e praticate, anche se molto spesso, soprattutto i giocatori principianti, non si comprendono fino in fondo gli aspetti di forza ma anche di rischio di questa tipologia di gioco.

 

Tecnicamente e genericamente il bluff è inteso come quella mossa di gioco che, attraverso una forte puntata, induce l’avversario a pensare che si è in possesso di una buona mano, e quindi convincerlo a passare. In realtà il meccanismo del bluff è molto più complesso, e può essere utilizzato in tante occasioni ed in tanti modi diversi a patto di averne acquisito a fondo le caratteristiche, i vantaggi ed i pericoli che esso implica.

 

Molto spesso i dilettanti pensano che basti una grossa puntata per intimidire gli avversari e costringerli a passare, ma poi, quando si ritrovano ad un tavolo dove invece gli altri giocatori restano in gioco, ecco allora che si smarriscono, ritornano sui loro passi, sbagliano nel gestire le puntate successive e in generale permettono agli altri giocatori di intuire il gioco, e quindi di prendere i dovuti provvedimenti.

 

Se il poker è soprattutto una battaglia di informazioni, che consentono al giocatore di fare la scelta migliore durante una mano intuendo il gioco che sta conducendo l’avversario, ecco che il bluff rappresenta lo stato dell’arte nel fornire informazioni contraddittorie che possono creare incertezza e confusione nelle controparti. Quindi evitare di concentrarsi per riuscire a fare un bluff durante una giocata: potrebbe anche riuscire, e contribuire a conquistare un grosso piatto, ma potrebbe anche rivelare in maniera troppo esplicita agli avversari lo stile di gioco adottato, con la conseguenza ovvia di diventare prevedibili, e la prevedibilità nel poker è sicuramente uno dei più grossi handicap per ottenere grandi risultati.

 

Il meccanismo, insomma, non è tanto quello di puntare a vincere un piatto piuttosto cospicuo ingannando gli avversari, quanto piuttosto quello di creare una sorta di cortina di fumo intorno al proprio gioco per lasciare gli altri giocatori nella totale incertezza sulla nostra forza reale.

 

Per bluffare occorre quindi prima costruirsi una reputazione di gioco adeguata. Se gli avversari notano che si sta al gioco solo con una buona mano, saranno propensi a credere, nel caso di una grossa puntata da parte nostra, che siamo ben serviti, e quindi potrebbero decidere di desistere lasciandoci la strada libera per la conquista del piatto. Se invece si adotta un gioco più “loose”, ovvero si tende a chiamare spesso, anche con carte di basso valore, è evidente che una forte puntata da parte nostra potrebbe non riuscire nell’intento di scoraggiare gli avversari, che, restando in gioco, potrebbero procurare gravi danni.

 

Attenzione poi anche alla situazione di gioco, su tavoli di denaro virtuale o con buy-in poco elevati, come si possono trovare su http://www.pokerstars.com ed altre poker room online, è sicuramente più difficile realizzare un buon bluff, perché sarà molto più probabile che almeno un giocatore decida di vedere il gioco perché la perdita sarebbe contenuta, così come è meglio evitare di tentare un bluff ad un tavolo dove ci sono molti principianti, perché questi, spinti dalla curiosità e poco avvezzi ai messaggi sottintesi dalle puntate è molto facile che decidano di rimanere in gioco, rovinando in maniera definitiva il progetto di bluff.

 

Il bluff si rivela essere una tecnica sofisticata, da utilizzare solo con attenzione ed evitando di farla diventare una strategia costante e ripetitiva. Imparare a maneggiarlo nel migliore dei modi è sicuramente una dei primi step da affrontare se si vuol diventare un giocatore di poker serio e vincente.

 

Foto: sean dreilinger




Related Posts with Thumbnails

Leave A Response »